Salta il menu

B3 & Linux - HistoryPEDIA '900

Ventesimo Secolo - Guerra di Spagna

da Wikipedia - l'enciclopedia libera.

La Guerra Civile Spagnola fu la guerra civile che scoppiò in Spagna tra i ribelli (noti come Nacionales) e la Repubblica Spagnola con i suoi Republicanos (governo e suoi sostenitori). Si svolse tra il luglio 1936 e l'aprile 1939, e terminò con la sconfitta della causa repubblicana, seguita dalla dittatura di Francisco Franco. Il numero delle vittime è stato a lungo dibattuto, con stime che vanno dalle 500.000 ad un milione di persone uccise dalla guerra. Molti artisti ed intellettuali spagnoli (compresa gran parte della Generazione spagnola del 1927) vennero uccisi o costretti all'esilio. L'economia spagnola ebbe bisogno di decenni per recuperare (vedi Miracolo spagnolo).
Le ripercussioni politiche ed emotive della guerra andarono ben oltre i confini della nazione. A seconda dei punti di vista è stata considerata una guerra tra tirannia e democrazia, fascismo e libertà o comunismo e civiltà. È stata in seguito guardata come un'anteprima della seconda guerra mondiale.

La Guerra Civile Spagnola, che durò dal 1936 al 1939, accese un appassionato interesse nelle comunità politiche e intellettuali internazionali. Il governo di sinistra della Repubblica Spagnola venne assalito dalle forze nazionaliste del generale Francisco Franco, che era appoggiato dalla Germania Nazista e dall'Italia fascista. Anche se la causa fondamentale furono gli ideali nazionalisti spagnoli, venne seguita attentamente in tutto il mondo come la prima importante contesa militare tra le forze di sinistra e quelle sempre più potenti e pesantemente armate del fascismo. Dal 1934 al 1936, la Seconda Repubblica Spagnola fu governata da una coalizione di centro-destra che comprendeva i conservatori cattolici della Confederacion Española de Derechas Autonomas (CEDA). In questo periodo ci furono scioperi generali a Valencia e Saragozza, scontri di piazza a Madrid e Barcellona, e una sollevazione dei minatori nelle Asturie, che venne repressa con la forza dalle truppe comandate dal Generale Lopez Ochoa e dai Legionari comandati da Tenente Colonnello Juan Yagüe, sotto la direzione del Ministro della Guerra Diego Hidalgo. Durante questo periodo il governo compì grandi sforzi per annullare le conquiste sociali che erano state fatte negli anni precedenti, specialmente per quanto riguarda la riforma agraria.
Dopo una serie di crisi governative, le elezioni del 16 febbraio 1936 portarono al potere il governo del Fronte Popolare (Frente Popular) appoggiato dai partiti della sinistra e opposto da quelli di destra e centro.
Il 17 luglio 1936 ci fu una ribellione conservatrice contro il recentemente eletto governo del Fronte Popolare di Spagna. La ribellione non fu solo un colpo di stato militare, ma ebbe anche una sostanziale componente civile. I ribelli avevano sperato di guadagnare rapidamente il controllo della capitale, Madrid, e di tutte le altre importanti città spagnole. Siviglia, Pamplona, La Coruña, Cadice, Jerez de la Frontera, Cordoba, Saragozza e Oviedo caddero tutte sotto il controllo dei ribelli, conosciuti anche come Nazionalisti o Fascisti, ma fallirono a Barcellona e Madrid. A causa di ciò, ne risultò una protratta guerra civile.
I partecipanti attivi nella guerra coprivano l'intera gamma di posizioni politiche e ideologiche dell'epoca. Le file Nazionaliste comprendevano i fascisti della Falange, i Carlisti e i monarchici Legittimisti, i nazionalisti spagnoli e la maggior parte dei conservatori. Nello schieramento Repubblicano stavano la maggioranza dei Liberali, i nazionalisti Baschi e Catalani, i socialisti, i comunisti Stalinisti e Trotzkyisti, e gli anarchici di varie ideologie.
Guardando alla composizione da un altro punto di vista, i Nazionalisti comprendevano la maggioranza dei cattolici praticanti e del clero (al di fuori della regione Basca), importanti elementi dell'esercito, e la gran parte dei proprietari terrieri e degli affaristi. I Repubblicani erano composti dalle classi operaie urbane, dai contadini e da buona parte del ceto medio istruito, specialmente quelli che non erano imprenditori.
I capi della ribellione furono i Generali Francisco Franco, Emilio Mola e Josè Sanjurjo. Sanjurjo fu il leader incontestato della rivolta, ma rimase ucciso in un incidente aereo il 20 luglio mentre si recava in Spagna per prendere il controllo delle forze ribelli. Franco, il Comandante Generale dell'esercito spagnolo fin dal 1933, e già notoriamente filo-fascista, volò dalle Canarie alle colonie spagnole del Marocco, dove prese il comando. Per i restanti tre anni di guerra Franco fu il comandante di tutti i Nazionalisti ed arrangiò gli eventi in modo tale che alla fine della guerra non ci sarebbe stata opposizione al suo governo.

Una delle motivazioni principali sostenute all'epoca dell'iniziale sollevazione Nazionalista fu quella di contrastare l'anticlericalismo del regime repubblicano e di difendere la Chiesa Cattolica Romana, che venne censurata per il suo appoggio alla monarchia e che molti, dalla parte repubblicana, incolpavano dei mali della nazione. Nei primi giorni di guerra, chiese, conventi e altri edifici religiosi vennero incendiati, molti preti e suore uccisi senza che le autorità repubblicane facessero nulla per impedirlo. Gli articoli 24 e 26 della costituzione della repubblica avevano messo al bando i Gesuiti, il che aveva profondamente offeso molti dei Nazionalisti. Nonostante queste questioni religiose, i nazionalisti Baschi, che erano praticamente tutti schierati con la Repubblica, erano, in maggioranza, cattolici praticanti.
La ribellione venne contrastata dal governo (con le truppe che gli erano rimaste leali), così come da gruppi Socialisti, Comunisti, e Anarchici. Le potenze europee, come Regno Unito e Francia, erano ufficialmente neutrali, ma imposero comunque un embargo sulle armi alla Spagna e scoraggiarono attivamente la partecipazione antifascista dei loro cittadini. Sia l'Italia Fascista di Benito Mussolini che la Germania Nazista violarono l'embargo e inviarono truppe (Corpo Truppe Volontari e Legione Condor) e armi in supporto a Franco. In aggiunta, ci furono pochi volontari da altre nazioni che combatterono con i Nazionalisti, come Eoin O'Duffy dall'Irlanda.
I Repubblicani ricevettero supporto limitato dall'Unione Sovietica, così come da individuali volontari idealisti di molte nazioni, collettivamente conosciuti come Brigate Internazionali, anche se di fatto la partecipazione individuale straniera fu diretta anche ai contingenti di miliziani, integrandosi con gli spagnoli repubblicani e anarchici. I volontari italiani formarono la Brigata Garibaldi, gli statunitensi la Brigata Abraham Lincoln, i canadesi il Battaglione Mackenzie-Papineau (i "Mac-Paps"). Tra i più famosi partecipanti stranieri alla lotta contro il fascismo troviamo Ernest Hemingway e George Orwell, che scrisse le sue esperienze in "Omaggio alla Catalogna". Anche il romanzo di Hemingway "Per chi suona la campana" fu ispirato dalle sue esperienze in Spagna. Norman Bethune sfruttò questa opportunità per sviluppare le sue doti speciali nella medicina da campo. Come visitatore casuale, Errol Flynn usò un falso rapporto sulla sua morte al fronte per promuovere i suoi film. Tra gli oltre 3.000 italiani troviamo Palmiro Togliatti, Pietro Nenni, Camillo Berneri e Carlo Rosselli che partecipò con la sua organizzazione antifascista Giustizia e Libertà. Comunque, anche se i Nazionalisti ricevettero apertamente aiuto in forma di armi e truppe da Germania e Italia, i Repubblicani non ne ricevettero alcuno dalle maggiori potenze mondiali (ovvero Regno Unito, Francia e Stati Uniti). Molte di queste potenze stavano ancora praticando una politica di appeasement nei confronti dei regimi fascisti o videro con disgusto gli elementi sociali rivoluzionari all'interno delle forze antifasciste o credettero che i repubblicani fossero comunisti.
La Germania usò la guerra come campo di prova per carri armati e aerei migliori, che stavano divenendo disponibili all'epoca. Il caccia Messerschmitt Bf 109 e il bombardiere/trasporto Junkers Ju 52 vennero entrambi usati nella Guerra Civile Spagnola. Inoltre furono impiegati anche i caccia Sovietici Il-15 e Il-16. La Guerra Civile Spagnola fu anche un esempio di guerra totale, dove il bombardamento della città basca di Guernica da parte della Luftwaffe fece intravedere episodi della seconda guerra mondiale, come la campagna di bombardamenti dell'Inghilterra da parte dei nazisti o il bombardamento degli Alleati su Dresda.

1936 Nei primi giorni di guerra, oltre 50.000 persone si trovarono prese nella parte "sbagliata" delle linee e vennero giustiziate o assassinate. Nelle cosiddette paseos ("passeggiate"), le vittime venivano prese dai loro rifugi o prigioni, da gente armata, per essere fucilati fuori dalla città. La guerra fornì anche un pretesto per molti regolamenti di conti dovuti a odi tra vicini. Probabilmente il caso più famoso tra questi fu quello del poeta e drammaturgo Federico Garcia Lorca. Il numero di vittime fu probabilmente comparabile su entrambi i lati delle linee.
Tutte le speranze di una rapida fine della guerra cessarono il 21 luglio, il quinto giorno di guerra, quando i nazionalisti catturarono la principale base navale spagnola di El Ferrol nella Spagna nord-occidentale. Questo incoraggiò le nazioni fasciste d'Europa ad aiutare Franco, che aveva già contattato i governi di Germania e Italia il giorno prima. Il 26 luglio queste due nazioni diedero il loro appoggio ai Nazionalisti.
L'aiuto dell'Asse ripagò Franco da subito. Le sue forze Nazionaliste ottennero un'altra grande vittoria il 27 settembre, quando la città di Toledo venne catturata. Due giorni dopo, Franco si proclamò Generalisimo e Caudillo ("capo") mentre unificava i vari elementi Falangisti e Realisti della causa Nazionalista in un unico movimento. In ottobre, i Nazionalisti lanciarono una grossa offensiva verso Madrid, ma la crescente resistenza da parte del governo e l'arrivo di "volontari" dall'Unione Sovietica fermò l'avanzata per l'8 novembre. Nel frattempo, il governo si spostò da Madrid a Valencia, fuori dalla zona di combattimento, il 6 novembre.
Il 18 novembre, Germania e Italia riconobbero ufficialmente il regime di Franco, e il 23 dicembre, l'Italia inviò dei "volontari" a combattere per i Nazionalisti.

1937 Con le sue fila ingrossate dalle truppe italiane e dai soldati spagnoli delle colonie del Marocco, Franco fece un altro tentativo di catturare Madrid nel gennaio e febbraio del 1937, ma fallì di nuovo. La grande città di Malaga venne presa l'8 febbraio, e il 28 aprile, gli uomini di Franco entrarono a Guernica, nei Paesi Baschi, due giorni dopo il bombardamento della città da parte della Legione Condor tedesca, equipaggiata con i biplani Heinkel He-51 (la legione arrivò in Spagna il 7 maggio). Dopo la caduta di Guernica, il governo iniziò a controbattere con sempre maggiore efficacia.
In maggio, il governo si mosse per riconquistare Segovia, costringendo Franco a togliere truppe dal fronte di Madrid per fermarne l'avanzata. Mola, il secondo in comando di Franco, rimase ucciso in un incidente aereo il 3 giugno, e ai primi di luglio, il governo lanciò una forte controffensiva nell'area di Madrid, che i Nazionalisti respinsero con qualche difficoltà.
Dopodichè, Franco riprese l'iniziativa, invadendo l'Aragona in agosto e prendendo le città di Santander e Gijon. Il 28 agosto, il Vaticano riconobbe il governo di Franco su pressione di Mussolini, e alla fine di novembre, con i Nazionalisti che stringevano su Valencia, il governo si spostò di nuovo, a Barcellona.

1938 Le due parti si scontrarono sul possesso della città di Teruel per tutto gennaio e febbraio, con i Nazionalisti che infine ne presero il controllo definitivo il 22 febbraio. Il 14 aprile, i Nazionalisti arrivarono al Mar Mediterraneo tagliando in due la parte di Spagna controllata dai Repubblicani. Il governo cercò di trattare la pace in maggio, ma Franco richiese la resa incondizionata, e la guerra continuò a infuriare.
Il governo allora pose tutte le sue risorse in una campagna per riconnettere le due parti di territorio, nella Battaglia dell'Ebro, che iniziò il 24 luglio e durò fino al 26 novembre. Il fallimento di questa determinò lo sviluppo finale della guerra. Otto giorni prima dell'anno nuovo, Franco reagì lanciando una forza massiccia nell'invasione della Catalogna.

1939 I Nazionalisti conquistarono la Catalogna, con una campagna turbinosa, durante i primi due mesi del 1939. Tarragona cadde il 14 gennaio, Barcellona il 26 gennaio e Girona il 5 febbraio. Cinque giorni dopo la caduta di Girona, l'ultima resistenza in Catalogna fu spezzata.
Il 27 febbraio, i governi di Regno Unito e Francia riconobbero con riluttanza il regime Franchista.
Solo Madrid e pochi altri capisaldi rimasero nelle mani delle forze governative. Il 28 marzo, con l'aiuto di forze pro-franchiste all'interno della città, Madrid cadde nelle mani dei Nazionalisti. Il giorno seguente, Valencia, che aveva resistito sotto i cannoni dei Nazionalisti per quasi due anni, si arrese anch'essa. La vittoria venne proclamata il 1 aprile, quando l'ultima delle forze repubblicane si arrese.

Questo sito è prodotto da Giorgio Beltrammi autore e curatore di testi e immagini.
Questo sito è fa uso di Fogli si Stile e codice conforme alle direttive del W3C